Seleziona Pagina

Non diamo il nostro voto a chi si è speso per far approvare, non si è opposto e ha votato leggi contro la vita umana, la famiglia e la libertà di educazione

Comunicato Stampa 198

La legislazione appena conclusa è stata – senza ombra di dubbio –  la più distruttiva di tutte le passate legislature dal 1948 ad oggi dal punto di vista sociale e culturale a causa delle leggi forzatamente approvate a suon di voti di fiducia, che minano profondamente, dalle fondamenta, tutto il vivere civile ed il futuro stesso della nostra nazione.
Ripetutamente abbiamo messo in guardia con i nostri comunicati stampa, tutti i Parlamentari – ed in particolare quelli che si dichiarano rispettosi della dignità e della vita umana e della Costituzione ed i cattolici – sulla perniciosità sociale ed umana dei vari disegni di legge che venivano discussi e successivamente approvati, esortandoli ad opporsi decisamente alla loro approvazione senza ricercare alcun compromesso.
Abbiamo partecipato alla manifestazione di Roma del 20 maggio 2015 ed a quella del 30 gennaio 2016, indette dal Comitato Difendiamo i Nostri Figli, per protestare contro il ddl Fedeli, il ddl Cirinnà ed il ddl Scalfarotto (Comunicato stampa n. 163) e non abbiamo esitato a denunciare il tradimento operato dai Senatori cattolici del PD, di Area Popolare e di Democrazia Solidale con il voto di fiducia dato al ddl sulla buona scuola (Comunicato stampa n. 164) e ad esortare i Deputati cattolici del PD, di Area Popolare e di Democrazia Solidale a non ripetere lo stesso errore (Comunicato stampa n. 165).
Contro l’approvazione del ddl Cirinnà abbiamo ripetutamente richiamato l’attenzione ed il dovere di opporsi con fermezza e coraggio di tutti i Parlamentari ed in particolare dei cattolici (Comunicato stampa n. 165, n. 167, n. 168, n. 169, n. 171 e n. 174), ma hanno preferito obbedire a Renzi piuttosto che alla loro coscienza illuminata!
Contro l’approvazione del ddl sul consenso informato e le dat abbiamo prodotto due documenti (analisi e commento al testo unificato elaborato dal comitato ristretto dei progetti in materia di consenso informato e di dichiarazioni anticipate nei trattamenti sanitari  di giacomo rocchi del 23 gennaio 2016; analisi e commento al progetto di legge in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate nei trattamenti sanitari  approvato dalla camera dei deputati il 20 aprile 2017 di Giacomo Rocchi del 2 maggio 2017) ed emesso 9 comunicati stampa (n. 182, 183, 184, 187, 189, 190, 192, 196, 197), ma non sono bastati per convincere i nostri Parlamentari sedicenti rispettosi della vita umana e cattolici della urgente necessità di obbedire alla coscienza illuminata piuttosto che al partito di appartenenza od al proprio tornaconto.
Il 4 marzo spetta a noi cittadini esprimere il nostro giudizio e bocciare, cioè non votare il partito, che più di tutti ha voluto queste mortifere leggi e che continua a vantarsene durante questa campagna elettorale ed i Parlamentari, che non hanno avuto il coraggio di difendere la vita umana dal concepimento alla morte naturale, la famiglia fondata sul matrimonio di un uomo e di una donna, la libertà di educazione dei genitori e di impedire la colonizzazione ideologica dell’indottrinamento gender.
Chi sostiene i partiti ed i candidati che hanno voluto e/o votato queste leggi si rende corresponsabile dei disastrosi danni da esse già prodotti e di quelli che produrranno.
Andiamo a votare numerosi e scegliamo bene chi votare!

Circa l'autore