Seleziona Pagina

“DIFENDERE LA VITA SENZA COMPROMESSI”

“DIFENDERE LA VITA SENZA COMPROMESSI”

COMUNICATO STAMPA NUMERO 226 DEL  16/05/2021

Il Comitato Verità e Vita esprime la piena adesione all’evento del 22 maggio 2021 in Via dei Fori Imperaili a Roma, avente a tema “Difendere la vita senza compromessi”.

 E’ necessario nei tempi odierni ribadire la centralità del tema della difesa della vita umana debole, innocente, indifesa, senza voce. Il paradosso è che da troppi anni la vita vada difesa non da aggressioni violente fuorilegge, ma all’opposto proprio da norme e pratiche che autorizzano e sovvenzionano atti di soppressione e violazione degli esseri umani più indifesi. L’aborto, ogni forma di fecondazione artificiale extracorporea che rende quindi possibile la manipolazione della vita umana concepita e la sperimentazione sugli embrioni, l’eutanasia, il testamento biologico sono ormai patrimonio delle leggi di quasi tutti i Paesi occidentali e l’Italia non fa eccezione. Dalla logica della creazione giuridica, viene purtroppo mutuato il concetto di ‘mediazione’, nel voler tentare una impossibile sintesi tra attacco e difesa della vita, sintesi che si traduce sempre e comunque nell’abbattimento delle tutele per l’essere umano vulnerabile; dalla logica dell’interpretazione del diritto, filtra anche in certo mondo pro vita la cultura della sottigliezza, dell’artificio, del dire per non dire, anch’essa veicolo, disgraziatamente, di offese e attentati all’esistenza del concepito, del morente, del debole.

Dinanzi a questo scenario, il Comitato Verità e Vita conferma la volontà e l’impegno di aderire ad ogni iniziativa che riporti al centro dell’agire la retta ragione, che illumini sul dato oggettivo di scienza e coscienza che sulla vita non si media: ogni compromesso, ogni concessione, colpisce un numero più o meno grande di esseri umani indifesi, la vita di ciascuno dei quali ha un valore immenso.

Se la cultura odierna ha perso il senso della finitezza umana e lo risolve annullando l’uomo, è tempo di ricordare a gran voce e senza perifrasi che la finitezza umana non può essere vinta con la soppressione del debole; se il diritto odierno ha perso il senso della protezione del debole, è tempo di ricordare con chiarezza che la ragion d’essere del diritto è proprio difendere chi da sé non può difendersi; se la scienza odierna ha perso lo sguardo verso ogni essere umano, accecata dall’ideologia, è tempo di ricordare che i dati di realtà non si possono ignorare per rincorrere questa o quell’idea di società.

Né la cultura, né il diritto, né la scienza possono prosperare in una civiltà che postuli l’irrilevanza dell’essere umano e relativizzi il concetto di vita sulla base di parametri arbitrari.

Il confronto dunque, pur nella evidente disparità di forze, deve giocarsi nella chiarezza e nell’integralità o il mondo pro vita e le sue istanze precipiteranno nell’irrilevanza: ecco perché il Comitato Verità e Vita torna a chiedere con forza un impegno per la vita senza compromessi e lo chiederà anche partecipando all’evento del 22 maggio 2021 a Roma.

Per quanto riguarda, invece, le attività del Comitato si da appuntamento – in presenza- al Seminario ‘Mario Palmaro’ che si terrà dal 29 Luglio al 1 Agosto a Pontenure (PC) e del quale verrà divulgato il programma prossimamente.

Circa l'autore