Seleziona Pagina

Categoria: Seminario Palmaro

Evangelium vitae 25 anni dopo

Il 25 marzo 1995, san Giovanni Paolo II firmava l’enciclica Evangelium vitae, frutto di un articolato processo di elaborazione, che aveva attivamente coinvolto l’episcopato di tutto il mondo: infatti, nella Pentecoste del 1991, il Papa aveva scritto una lettera personale a ogni vescovo del mondo, al fine di avere la sua collaborazione nella redazione di uno specifico documento, auspicato dai cardinali nel Concistoro straordinario svoltosi a Roma dal 4 al 7 aprile 1991, dedicato al “problema delle minacce alla vita umana nel nostro tempo”: tale documento magisteriale avrebbe dovuto “riaffermare con l’autorità del Successore di Pietro il valore della vita umana e la sua inviolabilità, in riferimento alle attuali circostanze ed agli attentati che oggi la minacciano” (EV, 5).

Leggi di più

L’evidenza dell’umano

Prima di iniziare questo mio intervento, vorrei brevemente raccontarvi perché da più di vent’anni mi prendo cura delle persone in SV. Sono un geriatra mi sono sempre occupato della cura degli anziani. Ho incontrato per la prima volta questa condizione nel 1996. Allora di cosa fosse lo SV sapevo  davvero poco. Nonostante ciò, quando è stata chiesta la mia disponibilità ad assumere la responsabilità di un reparto ad essa dedicato ho detto subito di si. L’ho fatto perché ero rimasto profondamente colpito da questo strano e per certi versi ancora misterioso modo di continuare a vivere, colpito dalla sua povertà esistenziale e dalla radicalità delle domande, di cura, ma non solo, che pone.

Leggi di più

Ragioni di vita o propagande

Appare utile riflettere sui media e sulle propagande appare assai opportuna quest’anno – a 25 anni, da Evangelium Vitae – perché nel primo capitolo di quella straordinaria enciclica san Giovanni Paolo II, denunciata l’«oggettiva “congiura contro la vita”», osservò che non si può «negare che i mass media sono spesso complici di questa congiura, accreditando nell’opinione pubblica quella cultura che presenta il ricorso alla contraccezione, alla sterilizzazione, all’aborto e alla stessa eutanasia come segno di progresso e conquista di libertà, mentre dipinge come nemiche della libertà e del progresso le posizioni incondizionatamente a favore della vita» (n.17).

Leggi di più

Dimmi come ragioni e ti dirò il tuo bene

Esistono molte prospettive antropologiche, ossia molti modi di guardare l’uomo, di ragionare sull’uomo, di comprendere davvero chi è, come è fatto. Concentriamo la nostra attenzione su due prospettive che rispecchiano il tema del mio intervento, prospettive che declinerò soprattutto nel tema eutanasia al fine di esplicitare meglio il percorso argomentativo che andremo a compiere insieme

Leggi di più

Essere pro-life in giro per il mondo

Samuele Maniscalco, Direttore di Generazione Voglio Vivere

Ringrazio innanzitutto la Dott.ssa Cinzia Baccaglini e il Comitato Verità e Vita per l’invito a questo Seminario di formazione. Come già accennato nella presentazione, i rapporti di Generazione Voglio Vivere con Verità e Vita e Mario Palmaro risalgono a parecchi anni fa. Noi nasciamo nel giungo del 2001, ma già nel 2003, quando organizziamo un grande convegno contro l’aborto, in Lombardia, tra i relatori c’era proprio Mario Palmaro. E rileggendo un po’ la sintesi dei vari interventi, all’epoca quello più applaudito fu proprio il suo: per la chiarezza, per la sintesi, per esprimere una posizione senza compromessi contro l’aborto.

Leggi di più

Essere PRO-LIFE Oggi – Giacomo Rocchi

Quando ho dato il via libera al titolo del mio intervento, evidentemente dovevo essere distratto … In effetti, per chi mi conosce, sa che spesso sono invitato a qualche conferenza nella quale commento il testo di leggi o sentenze sotto il profilo giuridico, sia pure cercando di trarne il significato e la portata generale e, magari, facendo qualche considerazione più generale: così ho fatto per la legge sulla fecondazione artificiale, in incontri sulla legge sull’aborto, più recentemente prima e dopo l’approvazione della legge sul consenso informato e sulle DAT e, infine, in numerosi convegni sul tema dell’obiezione di coscienza (tenuti anche con il Centro Studi Livatino).

Leggi di più

Le opere di misericordia e la difesa della vita – Don Christian Cerasa

Desidero esprimere il mio saluto a tutti voi e un ringraziamento vero e sincero a quanti hanno organizzato questo Convegno così ricco di tematiche forti ed attuali in questo particolare e difficile momento storico imperato da una sorta di relativismo etico totale dove tutto è niente e che sta creando un vero e proprio disorientamento non solo negli uomini di questo tempo appartenenti ad ogni estro sociale e culturale, ma anche, ahimè, nella Chiesa dai suoi vertici ai singoli fedeli laici che spesso si trovano a doversi confrontare con pronunciamenti non ortodossi e nemmeno conformi alla Tradizione e alla Dottrina cristiana.

Leggi di più
Caricamento in corso