Seleziona Pagina

Autore: Comitato Verita e Vita

Giovannino: non e’ stato il primo e, purtroppo, non sara’ l’ultimo

COMUNICATO STAMPA 217
Del “dettaglio” della modalità del concepimento di Giovannino non si è parlato più di tanto, evidentemente considerato insignificante sia dai media che dall’opinione pubblica.
E invece la questione principale sta proprio in quel “dettaglio”, e per due ragioni:
1) l’abbandono è frutto della stessa logica del “forte desiderio” : lo voglio, non  riuscito bene, lo scarto perché non è il prodotto che desideravo;
2) la malattia di Giovannino potrebbe essere proprio la conseguenza della tecnica con cui è stato concepito, non importa se omologa o eterologa…

Leggi di più

La Corte e il suicidio assistito del diritto, della ragione e della coscienza

Dopo un anno di rinvio e due giorni di Camera di consiglio, la Corte costituzionale dà ragione… alla Corte costituzionale, riprendendo tal quali gli orientamenti espressi nell’ordinanza di rinvio del settembre 2018.
…Verità e Vita esprime la più ferma opposizione a questa prospettiva etica e giuridica che contraddice la ragion d’essere stessa del diritto e della medicina…

Leggi di più

Intervista a Giacomo Rocchi sulla legge sulle DAT

Domande circa la legge 219 del 2017

Grazie Dott. Rocchi per essere qui con noi. Cominciamo col definire i termini della questione. Ci potrebbe spiegare, in breve, qual è il nucleo della legge sulle DAT? Cosa sono di preciso queste “Disposizioni Anticipate di Trattamento” e qual è la differenza tra tale dizione e quella di “Dichiarazioni Anticipate di Trattamento”?

La legge 219 del 2017 è intitolata “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento“: potrebbe sembrare, quindi, che si tratti di una legge che regoli i rapporti tra i pazienti e i medici, attribuendo ai primi un maggior “potere” nei confronti dei secondi. In realtà, il nucleo vero della legge è un altro: la possibilità di ottenere, tramite il rifiuto del consenso, la morte del soggetto.

Leggi di più

Proporre il male minore è sempre male

Oggi 11 luglio nella sala Apollo del Palazzo Maffei Marescotti si riunirà un seminario con oltre 30 associazioni no profit impegnate a vario titolo nella difesa della vita, per un confronto con alcuni esponenti dei gruppi parlamentari e del Governo, a fronte dell’ordinanza della Corte Costituzionale n. 207/2018, con la quale si chiede al Parlamento di modificare, entro il 24 settembre, la norma sull’aiuto al suicidio (art. 580 cod. pen.) agevolando per via legislativa «condizioni di attuazione della decisione di taluni pazienti di liberarsi delle proprie sofferenze … anche attraverso la somministrazione di un farmaco atto a provocare rapidamente la morte». Se entro tale scadenza non avverranno modifiche legislative, la Corte Costituzionale si riserva di annullamento,

Leggi di più